BOLOGNA

Di origini remote (primi insediamenti attestati nell’età villanoviana, sec. IX a.C.), divenne l’etrusca Felsina nel sec. VI a.C., fu conquistata dai galli boi, e dal 189 a.C. fu colonia latina col nome di Bononia, divenendo importante nodo stradale con l’apertura della via Emilia.
Dopo le invasioni barbariche, si risollevò soltanto nel sec. XI quando, divenuta libero comune (1114), conobbe il suo periodo di massimo splendore commerciale, politico e culturale (nacque l’università o Studium, la più antica e per secoli una delle più illustri d’Europa) Città guelfa in lotta contro l’imperatore, vi venne imprigionato re Enzo, figlio di Federico II, catturato durante la battaglia di Fossalta (1249). Il declino cominciò a causa delle lotte tra fazioni che originarono le signorie dei Pepoli (1337-1350), dei Visconti e dei Bentivoglio (1401-1506). Con Papa Giulio II (1506) la città passò sotto la chiesa; dal 1796 conobbe un decennio di libertà repubblicana (Repubblica Cisalpina e Cispadana e Repubblica Italiana del periodo napoleonico), tornò quindi dominio pontificio e nel 1860 si unì al Regno d’Italia.

La struttura romana della città è stata cancellata da rimaneggiamenti avvenuti nel medioevo ed è riconoscibile solo nel centro. Il tracciato di vie medievali, che dal centro si dipartono a raggiera verso le porte delle antiche mura, costituisce tuttora la struttura principale della città. La città assunse la sua fisionomia caratteristica nei secc. XI e XII, con le prime case nobili a due piani, dai tipici sporti in legno sorretti da travature e tronconi e da beccatelli a mensola, e con le famose 180 torri (numero enorme in proporzione all'estensione dell'abitato. Fra quelle superstiti si ricordano le torri dei Garisendi e degli Asinelli; quest'ultima, costruita dal 1109 per Gherardo Asinelli, elegantemente e prodigiosamente intatta nei suoi 97,6 m d'altezza. Nelle facciate e nei cortili dei palazzi fu largamente usata la terracotta, il cui caldo colore si accorda armoniosamente con quello dei mattoni. Nei secc. XII e XIII gli sporti delle case più frequentemente aggettarono su porticati; proprio questi bassi portici delle case medievali diedero a Bologna il tipico aspetto che si mantenne nei secoli. Molto suggestivi sono i portici di via Santo Stefano, con le luminose arcate aperte verso l’omonima chiesa, il complesso romanico più insigne della città che incorpora anche il chiostro, il Santo Sepolcro, basiliche paleocristiane e preromaniche.

PAG. 1 | 2 | avanti >>

BOLOGNA
città d'arte

regione Emilia Romagna
Foto Tour
(in progress)

 

 

Guida della città
profilo artistico
musei
hotel

 

Città dell'Emilia Romagna
Bologna
Ferrara
Modena
Parma
Ravenna

In Italy Today
Le guide d'Italia:
> le città d'arte
> l'elenco completo
> le regioni d'Italia
Eventi e mostre
Hotel e B&B

 

 



ART TRAVEL LINK - SITI WEB SELEZIONATI

  • Your ArtTravelSite - http://www.yoursite.com
    Description of the site.
  • ... ask to put your art-link here!

 


Vuoi inserire un LINK?
Hai un HOTEL o un'altra attività legata al TURISMO IN ITALIA?

Promuovilo nella pagina della tua città dentro IN ITALY TODAY!
OFFERTE PROMOZIONALI PER I PRIMI LINK

Art Travel directory

SUGGEST AN ART/TRAVEL-SITE

 

In Italy Today ama l'arte

© IN ITALY HOTELS NETWORK