Gravina

GRAVINA

Al confine con la Basilicata, Gravina si trova nella Murgia Occidentale su un territorio fortemente carsico caratterizzato dalla presenza di numerose grotte che fin dal Neolitico (V millennio a.C.) hanno dato rifugio alle popolazioni locali dedite all'agricoltura ed alla pastorizia.

A partire dall'età del ferro sulla collina di Botromagno si sviluppò un insediamento stabile che nel corso dei secoli che vanno dall'VIII al V secolo avanti Cristo sarà, come molti centri della regione, sempre più influenzato dalla cultura greca importata dalle colonie.
In questo periodo fu conosciuta con il nome di Sidion, vennero edificate delle mura difensive e la città mantenne, a testimonianza della sua importanza, il diritto di coniare monete (IV sec. a.C.).
Nel 305 a.C. fu conquistata dai Romani ed inclusa nel tragitto della via Appia con il nome di Silvium. Divenuta municipium come molte altre località della regione dopo le guerre civili (90 a.C.), Gravina conobbe un periodo di ricchezza e sviluppo economico in epoca imperiale.

La fine dell'impero portò la distruzione dei Vandali comandati da Genserico nel 456, mentre gli abitanti si rifugiarono per secoli nelle grotte naturali del luogo dando avvio alla cosiddetta civiltà rupestre.
Dopo la guerra greco-gotica (535-553) combattuta e vinta dai Bizantini contro gli Ostrogoti Gravina entra e resta per secoli nei domini dell'Impero Romano d'Oriente di Costantinopoli subendo tuttavia le incursioni e il saccheggio ad opera dei Saraceni (999).

L'arrivo dei Normanni (1069) in città coincise con la rinascita culturale ed economica che si manifestò con la costruzione della nuova Cattedrale in stile romanico e del Palazzo Vescovile (XI sec.).
Con il successivo avvento degli Svevi (1194) Gravina acquisì maggiore importanza sul territorio divenendo sede della Curia Generale per le Puglie e la Basilicata. Federico II volle inoltre che fosse avviata la costruzione di un castello di cui oggi rimangono alcuni resti.

La rovina degli Svevi avvenuta per mano degli Angioini (1266) chiamati dal Papa in Italia, fece diventare Gravina una città demaniale e feudale successivamente affidata agli Orsini i quali al ressero ininterrottamente dal 1380 al 1816.
Dal XIX secolo Gravina aderì al processo risorgimentale cha attraverso i moti carbonari del 1820 e le insurrezione del 1848 portò alla formazione di un'idea di stato nazionale. Nel 1861 la città passò al Regno d'Italia come tutte le Puglie.

Gravina è ricca di testimonianze artistiche architettoniche a partire dalla Cattedrale vicino alla quale sorge anche il Palazzo Vescovile (XI-XII sec.).
Tra le altre chiese citiamo S.Domenico, S.Lucia, il Santuario della Madonna della Grazie e le chiese e conventi di S.Sofia e S.Sebastiano (1474).

Della storia antica della città rimane incredibilmente intatto un ponte romano.

Ogni anno in aprile ha luogo la Fiera San Giorgio, una delle manifestazioni più antiche del mondo essendo stata istituita per decreto regio da Carlo II D'Angiò nel 1294. Il decreto di Carlo inoltre non faceva altro che ristabilire un'antica fiera.

GRAVINA
città d'arte

regione Puglia
Chiesa - Gravina
CHIESA

Chiesa - Gravina
CHIESA

 

Guida della città
profilo artistico
musei

Visita Gravina
Alberghi a Gravina

 

Città della Puglia
Andria
Barletta
Bari
Brindisi
Foggia
Lecce
Taranto
Trani
Altre città d'arte
Acaya
Alberobello
Alezio
Altamura

Ascoli Satriano

Bisceglie
Bitonto
Bovino
Calimera
Canosa
Casarano
Castel del Monte
Castellaneta
Ceglie Messapica
Cerignola
Cisternino
Conversano
Copertino
Cutrofiano

Francavilla Fontana

Galatina
Gallipoli
Gioia del Colle
Giovinazzo
Gravina
Grottaglie
Isole Tremiti
Locorotondo
Lucera
Maglie
Manduria
Manfredonia
Martano
Martina Franca
Massafra
Melendugno
Melpignano
Mesagne
Modugno
Molfetta
Monopoli
Monte Sant'Angelo
Nardò
Ostuni
Otranto
Parabita
Peschici
Poggiardo
Polignano a Mare
Putignano
Ruvo di Puglia
San Ferdinando di Puglia
San Vito dei Normanni
San Severo
Specchia
Terlizzi
Tricase
Troia
Ugento
Vico del Gargano
Vieste
Siti Archeologici
Egnazia
Ordona (Herdonia)
Oria
Siponto

In Italy Today
Le guide d'Italia:
> le città d'arte
> l'elenco completo
> le regioni d'Italia
Eventi e mostre
Hotel e B&B

 

 


ART TRAVEL LINK - SITI WEB SELEZIONATI

  • Your ArtTravelSite - http://www.yoursite.com
    Description of the site.
  • ... ask to put your art-link here!

 


Vuoi inserire un LINK?
Hai un HOTEL o un'altra attività legata al TURISMO IN ITALIA?

Promuovilo nella pagina della tua città dentro IN ITALY TODAY!
OFFERTE PROMOZIONALI PER I PRIMI LINK

Art Travel directory

SUGGEST AN ART/TRAVEL-SITE

 

In Italy Today ama l'arte

© IN ITALY HOTELS NETWORK