Piazza Garibaldi - ParmaQuesto file si trova su Wikimedia Commons. Clicca sulla foto per vedere la sua pagina di descrizione e la sua licenza.
PARMA
<< indietro | PAG. 1 | 2

La città è patria di fra Salimbene da Parma (cronista medievale), dei pittori Mazzola, fra cui il Parmigianino, dei musicisti F. Paer, I. Pizzetti e A. Toscanini, del fisico M. Melloni e dell'esploratore V. Bottego.

Della città romana è nota la sistemazione urbanistica dell'età imperiale; sono stati identificati il cardine, il decumano e il foro. Gli scavi hanno portato alla luce parti del teatro e dell'anfiteatro.

Largamente testimoniata è l'attività artistica ed edilizia del periodo comunale: la Cattedrale che, su un primitivo nucleo del IX sec., subì varie trasformazioni, anche in seguito a un terremoto del 1117. L'impianto planimetrico è a croce latina; la facciata presenta un caratteristico traforo a loggette e un protiro. La decorazione ad affresco della cupola è opera del Correggio. Di Benedetto Antelami sono qui conservati il bassorilievo con la Deposizione (1178) e il trono episcopale (1180). All'Antelami si deve anche il Battistero: ottagonale, con tre portali asimmetrici riccamente scolpiti, è caratterizzato da una superficie muraria alleggerita da cinque ordini di logge. Di questo stesso periodo ci rimangono anche il Palazzo del Capitano del Popolo e il Vescovado. Del XVI sec. è il progetto di San Giovanni Evangelista, con interno a tre navate di schietta impronta rinascimentale. Singolare risalto tra le pitture all'interno della chiesa (Parmigianino, G. Mazzola-Bedoli, Cesare da Reggio) assume la decorazione della cupola del Correggio (1520-1523), finita di restaurare nel 1980. Cinquecentesca è anche Santa Maria della Steccata, impostata su una pianta a croce greca. Affreschi della scuola parmense del Cinquecento ornano l'interno (con particolare riferimento a quelli particolarmente suggestivi del Prmigianino). In pittura le maggiori personalità sono quella del Correggio – di cui va citata anche la decorazione della volta a spicchi della Camera della Badessa nel monastero di San Paolo – e quella di Parmigianino. Ai secc. XVI e XVII risale il Palazzo Farnese, detto della Pilotta, iniziato su progetto di Giovanni Boscoli, che resta il maggiore edificio secentesco della città, a cui venne annesso per volere di Ranuccio I Farnese e su progetto di G. B. Aleotti, il meraviglioso Teatro Farnese (1618-1619), uno dei primi teatri stabili d'Europa, ricostruito in seguito ai bombardamenti dell'ultima guerra. Attualmente il palazzo è sede del Museo nazionale di antichità, della Galleria Nazionale, della Biblioteca Palatina Nel XVIII sec. i Borbone succedettero ai Farnese: venne istituita l'Accademia di belle arti, ispirata ai modelli francesi. Nel XIX sec. il ducato passò a Maria Luisa che contribuì a modificare ancora una volta l'aspetto della città, ora in senso neoclassico. Al 1829 risale il Teatro Regio, un capolavoro di architettura neoclassica, opera di Nicola Bettoli.

<< indietro | PAG. 1 | 2

PARMA
città d'arte

regione Emilia Romagna
 

 

Guida della città
profilo artistico
musei
mostre
hotel
 

Città dell'Emilia Romagna
Bologna
Ferrara
Modena
Parma
Ravenna

In Italy Today
Le guide d'Italia:
> le città d'arte
> l'elenco completo
> le regioni d'Italia
Eventi e mostre
Hotel e B&B
 

 



ART TRAVEL LINK - SITI WEB SELEZIONATI

  • Your ArtTravelSite - http://www.yoursite.com
    Description of the site.
  • ... ask to put your art-link here!
 


Vuoi inserire un LINK?
Hai un HOTEL o un'altra attività legata al TURISMO IN ITALIA?

Promuovilo nella pagina della tua città dentro IN ITALY TODAY!
OFFERTE PROMOZIONALI PER I PRIMI LINK

Art Travel directory

SUGGEST AN ART/TRAVEL-SITE

 

In Italy Today ama l'arte

IN ITALY HOTELS NETWORK