Enna
Questo file si trova su Wikimedia Commons. Clicca sulla foto per vedere la sua pagina di descrizione e la sua licenza.

ENNA

L'Ombelico della Sicilia o il Belvedere di Sicilia o ancora, Urbs Inexpugnabilis come la chiamavano i Romani. Tanti sono gli appellativi di Enna per la sua posizione geografica centrale sulla sommità di una rocca difensiva in passato e capace di offrire vedute incredibili al viaggiatore moderno.

Enna fu abitata fin dall'Età della Pietra dai Sicani, popolazione di origine non indoeuropea stanziata in Sicilia fin dalla Preistoria. Di questo passato lontano sono stati rinvenuti un villaggio, una necropoli e un tempio risalenti al Neolitico.
Con l'arrivo dei Siculi prima (XV sec. a.C.) e dei Greci poi (IX sec. a.C.) cambiarono gli equilibri politici e la città iniziò a battere moneta greca già dal V secolo.
Si alleò con Siracusa per contrastare Cartagine ma nel 397 a.C. divenne feudo di Siracusa sotto Dioniso I e nel 307 fu presa dal tiranno Agatocle.

Nel 259 a.C. fu prima presa dai Cartaginesi e poi liberata dai Romani un anno dopo. Nel 212 a.C. passò definitivamente a Roma.
Qui iniziò la prima guerra servile (139-132 a.C.) capeggiata dallo schiavo siriano Euno che s'arrese ai Romani solo dopo 2 anni di assedio.

Dopo la caduta di Roma e la devastazione dei Vandali, Enna fu amministrata dai Bizantini fino al momento della presa da parte degli Arabi (859).
Con l'arrivo dei Normanni in Sicilia (1070) Enna diventò l'ultima roccaforte di resistenza araba fino al 1087, anno della resa a Ruggero d'Altavilla.
Sotto i Normanni, gli Svevi e gli Aragonesi la città s'incastellò erigendo fortezze difensive e sviluppandosi senza sosta fino al XVII secolo quando iniziò il suo lento declino.
Nel 1860 Enna, dopo aver parteggiato attivamente per la causa di unificazione, diventò parte del Regno d'Italia.

È del periodo medievale la creazione dell'assetto urbanistico ancora presente in città con l'eccezione delle mura che ormai non ci sono più.
Il bellissimo Castello di Lombardia è del periodo Svevo e stupisce per la sua integrità e la sua mole. Fu scelto da Pietro III d'Aragona come sua residenza a Enna. Di uguale fascino è la Torre di Federico II (XIII sec.), alta 24 metri con soffitti a volte. Bello anche Palazzo Pollicarini (XV sec.) con influssi spagnoli.

Tra gli edifici religiosi certamente da non perdere il Duomo, costruito nel 1307 per volere della regina Eleonora d'Aragona, che custodisce preziose tele al suo interno ed il Museo Alessi; e le chiese di San Francesco d'Assisi (XIV sec.), la barocca San Giuseppe e la ex chiesa di S. Giovanni Battista con bel campanile gotico (XV sec.).

PAG. 1

ENNA
città d'arte

regione Sicilia, isola

 

Guida della città
profilo artistico
musei

Visita Enna
Alberghi a Enna

 

Città della Sicilia
Palermo
Agrigento
Catania
Enna
Messina
Siracusa
Trapani
Altre città d'arte
Acireale
Alcamo
Caccamo
Caltagirone
Caltanissetta
Castelvetrano
Cefalù
Erice
Gela
Lentini
Licata
Lipari
Marsala
Mazara del Vallo
Milazzo
Modica
Monreale
Noto
Palazzolo Acreide
Piazza Armerina
Ragusa
Randazzo
Sciacca
Scicli
Taormina
Termini Imerese
Siti Archeologici
Akrai
Megara Iblea
Morgantina
Mozia
Pantalica
Segesta
Selinunte
Tindari
Valle dei Templi
Villa Romana del Casale

In Italy Today
Le guide d'Italia:
> le città d'arte
> l'elenco completo
> le regioni d'Italia
Eventi e mostre
Hotel e B&B

 

 



ART TRAVEL LINK - SITI WEB SELEZIONATI

  • Your ArtTravelSite - http://www.yoursite.com
    Description of the site.
  • ... ask to put your art-link here!

 


Vuoi inserire un LINK?
Hai un HOTEL o un'altra attività legata al TURISMO IN ITALIA?

Promuovilo nella pagina della tua città dentro IN ITALY TODAY!
OFFERTE PROMOZIONALI PER I PRIMI LINK

Art Travel directory

SUGGEST AN ART/TRAVEL-SITE

 

In Italy Today ama l'arte

© IN ITALY HOTELS NETWORK