Anfiteatro - Luni

LUNI


In provincia di La Spezia ed ai confini con la Toscana, Luni mostra ancora oggi la sua importanza storica attraverso il sito ed i reperti archeologici esposti nel suo Museo Nazionale.

Storia

Due le ipotesi sull'origine del nome di Luni: dalla dea italica Lunae con riferimento anche alla forma arcuata della sua baia o forse dalla parola ligure Lun, che significa palude, per l'inospitalità dei luoghi all'arrivo dei Romani (II a.C.).

Fu il console M. Sempronio Tudilano a fronteggiare i Liguri Apuani stanziati a Luni (186 a.C.) e M. Emilio Lepido a conquistarla . Dopo averne deportato la magior parte della popolazione i Romani vi trasferirono 2.000 veterani incaricandoli di bonificarne le terre (177 a.C.).
Con Roma Luni poté sviluppare la sua vocazione portuale e commerciale, peraltro esercitata fin dall'antichità con l'arrivo di mercanti greci, etruschi e fenici. Il porto di Luni e la sua importanza furono cantate dal poeta Ennio (II sec. a.C.), da Plinio il Vecchio (I sec. a.C.) e da Marziale (I sec. d.C.).

Luni ottenne in seguito la cittadinanza romana (89 a.C.) e, sotto l'impulso di Roma, si sviluppò urbanisticamente ed economicamente con il commercio dei marmi delle Alpi Apuane e del legname delle foreste appenniniche. Di questo periodo sono la costruzione dell'anfiteatro ed il rivestimento in marmo bianco delle mura e degli edifici di Luni. Sono le stesse candide mura che Rutilio Namaziano poté ammirare dal mare ancora nel (416 d.C.), poco prima della caduta di Roma (476).

Divenne sede vescovile (V sec.) e fu conquistata e amministrata dagli Ostrogoti (VI sec.) fino al 552, anno in cui il generale Narsete la riportò all'Impero Romano d'Oriente. Con Bisanzio Luni poté riprendere la sua attività portuale e prosperare fino al 642, quando Rotari portò i Longobardi alla conquista della Liguria. Il suo successore Liutprando annetté Luni al ducato di Lucca (VIII sec.) nel quale la città rimase fino alla conquista da parte di Carlo Magno (775) che affidò il centro alla guida di un vescovo conte. Con i Carolingi Luni poté riprendersi ma, in un breve lasso di tempo, scorrerie di Saraceni (849) prima e di Normanni (860) poi la ridussero in rovina.

Sembra che Hasting, re dei Normanni, fosse sceso in Italia attirato dai tesori di Roma ed avesse scambiato Luni per la capitale, abbagliato dalla sua bellezza sfarzosa. A nulla valse il suo lungo assedio e la città capitolò solo dopo un meditato inganno: Hasting fintosi morto e convertito al cristianesimo, venne tradotto in città per ricevere l'ultimo saluto cristiano ma, al segnale convenuto, saltò fuori dalla bara pugnalando il vescovo ufficiante il suo funerale. Fu lo sterminio generale della popolazione e la rovina materiale della città.

La città tentò di riprendersi sotto Obert I il quale, nel 940, ricevette dal re d'Italia Berengario Luni ed altri territori che andarono a formare la Marca Obertenga. L'operazione di unificazione territoriale fu continuata dall'Imperatore Ottone col chiaro intento di fronteggiare le frequenti incursioni di Saraceni lungo la costa ligure (X sec.). Una di queste, capeggiata dall'emiro Mujahid al-Amiri o Musetto, portò alla conquista della città ed allo scontro con le truppe imperiali durante il quale Luni fu completamente distrutta (1015).

La malaria, i pirati ed il progressivo insabbiamento del porto decretarono la fine della gloriosa storia di Luni la quale fu abbandonata dai suoi abitanti per sempre nel 1054.


Visita alla città

Aperto nel 1964, il sito archeologico di Luni ha un ricco Museo Nazionale che ospita i preziosi reperti rinvenuti durante gli scavi.

Dietro il Museo, sorge il sito vero e proprio dove si possono apprezzare affreschi e mosaici romani, Domus settentrionale, il Decumano Massimo, il Capitolium, le Piazze, il portico del Foro ed il Teatro.
Il sito conserva anche i resti di una basilica paleocristiana.

Alle spalle del sito si trova invece l'Anfiteatro, capace di ospitare fino a 5.000 spettatori.

Luoghi d'interesse

- Anfiteatro
- Grande Tempio
- Piazze
- Foro
- Teatro
- Basilica Paleocristiana
- Casa dei Mosaici
- Casa degli Affreschi
- Capitolium
- Mausoleo
- Decumano Massimo
- Necropoli

Musei

- Museo Archeologico Nazionale

Eventi

- Nessun Evento segnalato

PAG. 1

LUNI
città d'arte

regione Liguria
Piazza - Luni
AREA PUBBLICA

 

 

 

Guida della città
profilo artistico

Visita Luni
Alberghi a Luni

 

Città della Liguria
Genova
Imperia
La Spezia
Savona
Altre città d'arte
Alassio
Albenga
Albissola
Ameglia
Andora
Apricale
Arcola
Arnasco
Avegno
Baiardo
Balestrino
Bargagli
Beverino
Bordighera
Borghetto S. Spirito
Borgio Verezzi
Borzonasca
Brugnato
Bussana Vecchia
Calice Ligure
Camogli
Campiglia
Campo Ligure
Campomorone
Camporosso
Casarza Ligure
Castelnuovo Magra
Castelvecchio Rocca B.
Castiglione Chiavarese
Celle Ligure
Ceriana
Cervo
Chiavari
Cipressa
Cisano sul Neva
Cogorno
Corniglia
Diano Castello
Dolce Acqua
Dolcedo
Finalborgo
Garlenda
Gorreto
Isola Bona
La Mortola
Laigueglia
Leivi
Lerici
Levanto
Loano
Luni
Magliolo
Maissana
Manarola
Masone
Millesimo
Montalto Ligure
Montemarcello
Monterosso
Montoggio
Ne
Nervi
Noli
Perinaldo
Pieve di Teco
Pigna
Portofino
Portovenere
Ranzo
Rapallo
Riomaggiore
Rocchetta di Vara
Rocchetta Nervina
Ronco Scrivia
Rossiglione
San Remo
S. Margherita Ligure
S. Stefano di Magra
Sarzana
Sassello
Savignone
Seborga
Sestri Levanre
Taggia
Testico
Tiglieto
Toirano
Torriglia
Trovo San Giacomo
Tribogna
Triora
Urbe
Uscio
Varazze
Varese Ligure
Varigotti
Ventimiglia
Vernazza
Villanova d'Albenga
Vobbia
Zuccarello
Le isole
Palmaria
Siti Archeologici
Costa Balenae
Luni

In Italy Today
Le guide d'Italia:
> le città d'arte
> l'elenco completo
> le regioni d'Italia
Eventi e mostre
Hotel e B&B

 

 



ART TRAVEL LINK - SITI WEB SELEZIONATI

  • Your TravelSite - http://www.yoursite.com
    Description of the site.
  • ... ask to put your art-link here!

 


Vuoi inserire un LINK?
Hai un HOTEL o un'altra attività legata al TURISMO IN ITALIA?

Promuovilo nella pagina della tua città dentro IN ITALY TODAY!
OFFERTE PROMOZIONALI PER I PRIMI LINK

Art Travel directory

SUGGEST AN ART/TRAVEL-SITE

 

In Italy Today ama l'arte

© IN ITALY HOTELS NETWORK